Giuliano Palma & The Bluebeaters | Messico e Nuvole

Messico E Nuvole
Lei è bella lo so
e passato del tempo ed io
c’è lo nel sangue ancor.
Io vorrei io vorrei
ritornare laggiù da lei ma so che non andrò.
Questo è un amore di contrabbando
meglio star qui seduto a guardare il cielo davanti a me.
Messico e nuvole
la faccia triste dell’America
il vento soffia la sua armonica
e voglia di piangere ho.
Messico e nuvole
la faccia triste dell’America
il vento soffia la sua armonica
e voglia di piangere ho.
Intorno a lei intorno a lei la chitarra risuonerà
per quanto tempo ancor.
E il mio amore per lei
i suoi passi accompagnerà
nel bene e nel dolor.
Questo è un amore di contrabbando
meglio star qui seduto a guardare il cielo davanti a me.
Messico e nuvole
la faccia triste dell’America
il soffia la sua armonica
e voglia di piangere ho.
Messico e nuvole
la faccia triste dell’America
il vento soffia la sua armonica
e voglia di piangere ho.
Chi lo sa come fa per la gente che va più in là a pronunciare si, si, si
, si, si, si, si, si, si, si, si, si, si, si, si, si,
si, si, si, si, si, si, si, si, si.
Mentre sa che è già
Provvisorio amore che
C’è si ma forse no, no
Queste son situazioni di contrabbando
meglio star qui seduto a guardare il cielo davanti a me.
Messico e nuvole
la faccia triste dell’America
il vento soffia la sua armonica
e voglia di piangere ho
Messico e nuvole
la faccia triste dell’America
il vento soffia la sua armonica
e voglia di piangere ho
Messico e nuvole
la faccia triste dell’America
il vento soffia la sua armonica
e voglia di piangere ho
Messico e nuvole
la faccia triste dell’America
il vento soffia la sua armonica
e voglia di piangere ho
Messico e nuvole
la faccia triste dell’America
il vento soffia la sua armonica
e voglia di piangere ho
Messico e nuvole
la faccia triste dell’America
il vento soffia la sua armonica
e voglia di piangere ho.

Annunci

Porto Flamingo | l’Uomo Naturale


E’ questo il giorno dell’uomo naturale,
comunemente detto uomo normale.
E’ un giorno nuovo come tutti gli altri,
solo che l’uomo è sceso lento dagli spalti.

Non guarda il calcio, ma gioca allegramente,
non prega dio e da carezze all’altra gente,
non tifa Stalin e neanche Mussolini,
oltre alla pancia pensa ai vinti, ai deboli e ai bambini.

Alzarsi, andare! Andare, camminare!
E ancora alzarsi, andare! Andare, camminare!
E ancora alzarsi, andare! Andare, camminare!
Ancora alzarsi ed andare!

E’ questo il giorno dell’uomo naturale,
comunemente detto uomo normale.
E’ un giorno chiaro che illumina lontano,
così che l’uomo ha abbandonato il suo divano.

Grande sgomento fra i teletappezzieri,
sembra che l’uomo in strada rida più di ieri,
ci si è scordati di proprietà e paura,
lasciata aperta ogni casa ed ogni serratura.

Alzarsi, andare! Andare, camminare!
E ancora alzarsi, andare, sognare, camminare!
E ancora alzarsi, andare, lottare, camminare!
Ancora alzarsi, andare, spogliarsi dal male!

La prima notte dell’uomo naturale,
comunemente detto uomo normale,
di riposare non c’è stato bisogno,
fra chi ha scoperto nuove stelle
e chi ha amato fino al giorno.

Alzarsi, andare! Andare, camminare!
E ancora alzarsi, andare! Andare, camminare!
E ancora alzarsi, andare! Andare, camminare!
E ancora alzarsi, andare! Andare, camminare!
Alzarsi, andare! Andare, camminare!
E ancora alzarsi, andare, sognare, camminare!
E ancora alzarsi, andare, lottare, camminare!
Ancora alzarsi, andare, spogliarsi dal male!